La coxartrosi o artrosi dell’anca: sintomi, cure e terapie

Home > Approfondimenti > Patologie -> La coxartrosi o artrosi dell’anca: sintomi, cure e terapie

La coxartrosi o artrosi dell’anca: sintomi, cure e terapie

di Alessio Ricca - 23/1/2021 - in Patologie

Con il termine coxartrosi si intende la degenerazione artrosica dell’articolazione coxo – femorale, meglio conosciuta come anca. In estrema sintesi si tratta dell’articolazione che collega il bacino al femore.

Si tratta di un disturbo piuttosto comune che riguarda molte persone, specialmente appartenenti al sesso femminile e in particolare dalla quinta decade di vita.

⇧ Torna al sommario

Cos’è la coxartrosi o artrosi dell’anca?

La coxartrosi, come l’artrosi della mano, è una patologia degenerativa che comporta una progressiva riduzione dello spessore della cartilagine dell’anca, la cui diminuzione comporta un relativo maggior attrito tra la testa del femore e l’acetabolo, ossia la parte concava dove si posiziona la testa del femore. Questo processo genera nel corso del tempo uno stato infiammatorio a carico di diverse strutture che compongono l’articolazione, come i legamenti, i tendini e naturalmente i segmenti ossei.

Mentre la coxartrosi primaria si verifica generalmente dopo la quinta decade di vita, la coxartrosi secondaria si sviluppa maggiormente prima dei cinquant’anni ed è connessa ad anomalie morfologiche dell’anca, che possono riguardare difetti della componente acetabolare (ossia la parte del bacino) o femorale (ad esempio in seguito a fratture).

In letteratura sono stati catalogati tre stadi di artrosi all’anca, che riguardano un differente danno dei tessuti e naturalmente una diversa sintomatologia riferita. In questo elenco ci soffermiamo unicamente sui sintomi riferiti dal paziente nei tre diversi stadi e non alla fisiopatologia:

  1. Nel primo stadio il dolore riferito è soltanto sporadico ed esclusivamente connesso ad un eccesso di attività motoria o comunque maggiore rispetto alla capacità tollerata dall’articolazione. Generalmente il sintomo è riferito nella regione dell’anca.
  2. Nel secondo stadio il dolore non compare più esclusivamente dopo l’attività fisica ma talvolta anche a riposo. In questa fase il dolore si estende anche in sede inguinale e nella regione glutea.
  3. Nel terzo stadio il dolore è continuo, talvolta anche notturno e peggiora anche durante semplici movimenti o attività come fare le scale. La qualità dei movimenti del paziente è alterata e iniziano a svilupparsi evidenti adattamenti antalgici.

E la coxartrosi bilaterale?

Con il termine bilaterale si intende un quadro patologico che coinvolge entrambi i lati.

E la coxartrosi con sclerosi del tetto acetabolare?

La sclerosi del tetto acetabolare fa parte del quadro degenerativo della coxartrosi e riguarda la progressiva maggior esposizione della componente ossea al progredire della diminuzione dello spessore della cartilagine articolare.

Possiamo immaginarla come se fosse una reazione dell’osso all’aumento del carico, dovuta alla consumo della cartilagine articolare, che provoca un aumento della densità dell’osso stesso.

⇧ Torna al sommario

Quali sono i sintomi della coxartrosi?

I sintomi della coxartrosi dipendono in termini di localizzazione e di intensità dalla gravità del quadro degenerativo ma generalmente comprendono dolore in zona inguinale, sulla natica, nella zona del trocantere, sulla faccia anteriore della coscia e talvolta al ginocchio. Generalmente sono tutti sintomi che peggiorano dopo lunghe camminate o attività sollecitanti come le scale o dopo il mantenimento della posizione seduta per lungo tempo, specie se in posizione ribassata come poltrone, divani o in auto, provocando alterazioni posturali e zoppia.

Nel dettaglio quali sono i sintomi iniziali?

Generalmente i sintomi iniziali della coxartrosi si manifestano con rigidità articolare di cui il paziente si rende conto svolgendo semplici attività quali mettersi le calze oppure tagliarsi le unghie. Questa rigidità si associa a dolenzia in zona inguinale, trocanterica o glutea.

Inizialmente il solo fatto di uscire dalla posizione che ha scatenato il dolore e una graduale ripresa della camminata comporta un immediato beneficio sul sintomo, che tuttavia non deve essere in alcun modo trascurato.

⇧ Torna al sommario

Come si cura la coxartrosi e quali sono rimedi più efficaci

Il primo passo per curare la coxartrosi è una buona diagnosi, eseguita generalmente da un medico ortopedico o da un fisiatra. L’esame obiettivo, correlato ad una minuziosa raccolta anamnestica è spesso associato a specifici esami di laboratorio come la radiografia o la risonanza magnetica.

Una volta identificato il quadro specifico di cui è affetto il paziente il medico è in grado di indicare il percorso più opportuno a seconda del quadro patologico, spaziando dalla farmacologia alla riabilitazione fino all’intervento chirurgico e alla conseguente riabilitazione post chirurgica per le situazioni più compromesse.

Quali sono le terapie e gli esercizi per curare la coxartrosi all’anca?

terapia manuale ancaSe il medico depone per un approccio di tipo conservativo, ossia non prevede la chirurgia al momento della visita, le terapie più indicate sono quelle farmacologiche (per via sistemica o locale con la somministrazione di farmaci antinfiammatori) e la riabilitazione, che gioca un ruolo fondamentale per rallentare il processo degenerativo, migliorare la funzione e di conseguenza il dolore.

Negli stadi iniziali di coxartrosi è altresì possibile ipotizzare la cosiddetta viscosupplementazione, che consiste nella somministrazione di acido ialuronico per via iniettiva. Se il dolore è particolarmente elevato si consiglia l’utilizzo di due stampelle, soprattutto per uso esterno.

La fisioterapia per l’artrosi all’anca nel dettaglio

La fisioterapia per la coxartrosi consiste in un percorso della durata minima di tre mesi di lavoro, durante i quali il paziente acquisisce molte nozioni sulla gestione del disturbo.

Durante le sedute il fisioterapista utilizza una serie di metodiche integrate che spaziano dalla terapia manuale, costituita da mobilizzazioni e massoterapia, alla chinesiterapia, ossia una serie di esercizi fisici per rinforzare alcuni gruppi muscolari, alla terapia fisica (come ad esempio la tecarterapia o la magnetoterapia) e alla ginnastica posturale, per migliorare la distribuzione del carico.

Generalmente le sedute hanno una frequenza di due volte alla settimana e durano circa sessanta minuti.

Gli esercizi per la coxartrosi

Gli esercizi per la coxartrosi possono essere schematicamente suddivisi in due categorie:

  1. Esercizi di mobilità articolare e elasticità muscolare. Si tratta principalmente di esercizi che migliorano la mobilità articolare non solo dell’anca ma anche delle strutture indirettamente ad essa connesse come il ginocchio e la colonna vertebrale. Per fare un esempio potremmo consigliare al paziente di mettersi disteso sul letto, in modo tale che l’anca in questione rimanga dal lato esterno del letto stesso. Successivamente il paziente dovrà flettere l’anca sana aiutandosi con una mano tenendo piegato il ginocchio e contemporaneamente lasciare che la gamba patologica fuoriesca dal letto stesso, mantenendola a “penzoloni” per circa 30-40 secondi.
  2. Esercizi di rinforzo muscolare. Riguardano tutto ciò che rende stabile l’articolazione, migliorandone le tenuta durante la vita quotidiana. Per fare un esempio potremmo consigliare al paziente di eseguire con una certa costanza l’esercizio del “ponte”, che consiste nel sollevare il bacino da posizione sdraiata con le ginocchia piegate, in modo rinforzare alcuni muscoli importanti come gli addominali e i glutei.

I rimedi naturali

I migliori rimedi naturali per l’artrosi all’anca riguardano inevitabilmente una corretta gestione della problematica, anche e soprattutto per quanto concerne la postura e l’ergonomia nei movimenti. Per fare un esempio alcune posizioni dovrebbero essere decisamente evitate, come lo stare seduti in posizione eccessivamente ribassata (divani, poltrone o troppo tempo in auto) oppure accavallare le gambe. Durante il riposo notturno esistono dei cuscini appositamente pensati che, una volta posizionati tra le due gambe, permettono di mantenere una migliore postura quando si è posizionati sul fianco.

Integratori a base di collagene o pomate all’arnica possono altresì essere di aiuto in un approccio sul lungo termine.

Tags: ,

Alessio Ricca

Alessio Ricca

Fisioterapista, Osteopata, specialista in scienze del movimento, corresponsabile del Centro Fisio Logic
Biografia completa

Approfondimenti

Disturbi correlati

Scopri il nostro
metodo e richiedi
un colloquio

prenota ora

Analisi e terapie

L'analisi dei disturbi e delle loro cause è il primo passo per comprendere il migliore percorso terapeutico per lenire il dolore nell'immediato e avviare un processo di autoguarigione del corpo sul lungo periodo.

riabilitazione post-operatoria

Riabilitazione post operatoria: la migliore a Torino

12 Agosto 2021

La riabilitazione è il programma post-chirurgico per ristabilire il movimento articolare, la forza muscolare e la funzione articolare.

scopri di più
ginocchio gonfio

Riabilitazione del ginocchio: la corretta fisioterapia

3 Maggio 2021

Il dolore al ginocchio è tra i problemi ortopedici più comunemente riscontrati.

scopri di più

Scopri il nostro metodo e richiedi un colloquio

prenota ora

Design by logo Trigloo

Disclaimer: Gli articoli e gli approfondimenti che potrai trovare su questo sito hanno uno scopo divulgativo e devono guidare il paziente solamente per informarlo, ma non intendono sostituire il parere del proprio medico curante, di un Fisioterapista specializzato o di una figura medica abilitata. Fisio Logic non intende sostituirsi alla normale visita di uno specialista. Fisio Logic non detiene alcuna responsabilità, di tipo giuridico in quanto le informazioni hanno uno scopo divulgativo e vengono invitati gli utenti a consultarsi col proprio medico di fiducia prima di qualunque attività o prima di intraprendere delle cure.