Diastasi addominale, cause, sintomi e interventi per risolverla

Home > Approfondimenti > Patologie -> Diastasi addominale, cause, sintomi e interventi per risolverla

Diastasi addominale, cause, sintomi e interventi per risolverla

di Alessio Ricca - 20/1/2022 - in Patologie

La diastasi addominale, anche nota come diastasi del retto addome, è una condizione in cui la pancia sporge a causa di un allargamento dello spazio tra i muscoli dell’addome destro e sinistro.

Ma cos’è esattamente la diastasi recti e come puoi trattarla? Vediamolo insieme.

⇧ Torna al sommario

Cos’è la diastasi addominale

La diastasi addominale è la separazione parziale o completa dei muscoli retti dell’addome, o muscoli “six-pack”, che si incontrano sulla linea mediana dell’addome. La diastasi addominale nella donna è molto comune durante e dopo la gravidanza. Questo perché l’utero, espandendosi, allunga i muscoli dell’addome per accogliere il bambino in crescita. Uno studio ha rilevato che fino al 60 percento delle donne può sperimentare la diastasi addominale durante la gravidanza o dopo il parto.

La condizione non è limitata alla gravidanza, però può colpire chiunque, compresi i neonati e gli uomini. In alcuni casi, può derivare dal sollevamento di pesi in modo errato o dall’esecuzione di esercizi addominali eccessivi o pericolosi.

⇧ Torna al sommario

Diastasi addominale: le cause

L’eccessiva pressione all’interno dell’addome, è una delle cause della diastasi. Quando si parla di donne in gravidanza, durante la gestazione, i muscoli addominali e i tessuti connettivi vengono allungati dall’utero in espansione. Anche le spinte necessarie durante il parto possono incidere. La diastasi addominale post parto è dunque una condizione che perlopiù ci si può aspettare durante e dopo la gravidanza.

Anche i neonati a volte nascono con la diastasi dei retti, soprattutto se sono prematuri. Questo perché i loro muscoli addominali non sono completamente sviluppati e collegati. La condizione di solito si corregge con il tempo.

⇧ Torna al sommario

Diastasi addominale: i sintomi

La diastasi addominale ha sintomi facilmente riconoscibili per un professionista. Ma per chi non ne avesse mai sentito parlare, ecco come riconoscerla. Il sintomo più comune è una sorta di rigonfiamento nella regione sovra ombelicale, specialmente quando si sforzano o si contraggono i muscoli addominali. Ulteriori sintomi della diastasi dei retti dell’addome comprendono il mal di schiena lombare, una cattiva postura, stipsi e gonfiore.

⇧ Torna al sommario

Diastasi addominale: le conseguenze

La diastasi addominale ha conseguenze che possono essere più o meno difficili da trattare a seconda dei casi. Ad esempio può portare a stabilità e mobilità del tronco compromesse, mal di schiena, dolore e disfunzione del pavimento pelvico, danni posturali e, in casi più estremi, anche ernia.

⇧ Torna al sommario

Diastasi addominale: i rimedi

Il trattamento per la diastasi dei retti inizia dal misurare la distanza tra i muscoli della pancia per valutare l’entità del problema. Prima di pensare a trattamenti invasivi di tipo chirurgico come l’addominoplastica o l’intervento in laparoscopia, è bene sapere che la fisioterapia per la diastasi addominale è tra i rimedi meno invasivi e più efficaci.

Ad ogni buon conto, per chi ha una diastasi addominale, i rimedi palliativi essenziali per scongiurare un peggioramento della situazione sono i seguenti:

  • evitare qualsiasi sollevamento pesante o sforzo dei muscoli addominali;
  • tentare di mantenere una buona postura (anche in questo caso il fisioterapista può aiutarti)
  • sostenere la parte bassa della schiena in posizione seduta con un asciugamano o un cuscino
  • eseguire esercizi specifici per la diastasi dei retti, pianificati da un fisioterapista.

Per alcune donne, la diastasi dei retti può rientrare da sola dopo il parto quando i muscoli addominali riacquistano forza. Se invece si riscontrano sintomi ancora otto settimane dopo il parto, gli esercizi possono aiutare e di solito si concentrano sul pavimento pelvico e sui muscoli profondi dell’addome.

L’intervento per la Diastasi addominale

Come abbiamo visto, è possibile affrontare la diastasi addominale con un intervento di chirurgia che comporta il riavvicinamento chirurgico dei muscoli separati. Un’addominoplastica di solito comporta anche la rimozione del grasso in eccesso e della pelle nell’area, per questa ragione la maggior parte delle donne che decidono di sottoporsi a un intervento di diastasi dopo aver avuto figli, hanno una procedura di addominoplastica, non solo una semplice riparazione della diastasi dei retti.

Non tutte le persone con diastasi addominale avranno comunque bisogno di un intervento chirurgico. Una diastasi dei retti meno grave, ad esempio, può essere corretta; in alcuni casi la chirurgia potrebbe essere presa in considerazione per chi ha una debolezza muscolare addominale che interferisce con le attività quotidiane. Nella maggior parte dei casi, la chirurgia potrebbe essere semplicemente scelta per ragioni estetiche.

La fisioterapia per la Diastasi addominale

La diastasi addominale e la fisioterapia, come abbiamo visto in precedenza, sono un binomio che funziona. La fisioterapia può aiutare i pazienti affetti da diastasi dei retti creando un programma di esercizi che si concentra sul miglioramento dell’allineamento pelvico e sul tono e l’appiattimento della parete addominale. La fisioterapia efficace lavora per accorciare le fibre muscolari e sviluppare la stabilità dinamica che può migliorare la funzione tra gli strati esterno ed interno della parete addominale.

Se ritieni di soffrire di diastasi dei retti, consulta il tuo fisioterapista di fiducia che ti esaminerà per diagnosticare correttamente la tua condizione prima di fornire un trattamento efficace che possa alleviare i sintomi e rafforzare il tuo addome.

Gli esercizi per diastasi addominale

Gli esercizi per diastasi addominale sono studiati per aiutarti a recuperare il controllo dell’addome, appiattire la pancia e promuovere la guarigione della diastasi.

È importante evitare esercizi addominali intensi come i curl addominali e gli esercizi di resistenza durante il recupero della diastasi. Questi tipi di esercizi addominali aumentano la tensione sui muscoli addominali superiori facendoli separare piuttosto che chiudersi insieme e guarire.

La diastasi addominale con la ginnastica può effettivamente rientrare ed essere gestita in maniera semplice e non invasiva, a patto di seguire scrupolosamente le indicazioni del fisioterapista.

La ginnastica ipopressiva: cosa fare

C’è un malinteso comune riguardo forza e tonicità: forte non è uguale a tonicità, si possono avere muscoli forti con tonicità. C’è un malinteso diffuso anche sull’importanza della forza muscolare del core (la zona del corpo compresa tra la porzione inferiore del busto e il margine superiore del bacino). Sembra che la forza sia l’unica variabile rilevante per raggiungere una condizione fisica ottimale.

La ginnastica ipopressiva consiste in un programma di fitness e una tecnica di respirazione che aiuta nella prevenzione e nel ripristino della salute pelvica per coloro che cercano non solo di ripristinare la salute pelvica ma di allenare la vera funzione del proprio nucleo, che è responsabile della postura, della circolazione, della respirazione, del mantenimento della continenza (prevenzione dell’incontinenza urinaria e fecale), del supporto per i nostri organi interni (prevenzione del prolasso o dell’ernia degli organi pelvici), della funzione sessuale, della stabilità, della digestione, eccetera.

Uno degli obiettivi principali della ginnastica ipopressiva per diastasi addominale è individuare e mantenere una posizione neutra della colonna vertebrale durante gli esercizi che favorisca la coattivazione muscolare e la stabilità muscolare centrale entro i limiti fisiologici naturali di ogni persona. L’allenamento di base progressivo e regolare migliorerà il controllo motorio e i modelli di reclutamento muscolare.

Gli esercizi da non fare

In caso di diastasi addominale ci sono esercizi che possono, se eseguiti in modo non corretto, come già accennato, peggiorare la situazione. Assicurati perciò di evitare determinate attività ed esercizi che potrebbero peggiorare la diastasi dei retti: questi includono crunch, torsioni addominali, piegamenti all’indietro che allungano l’area addominale, alcune posizioni yoga o qualsiasi tipo di attività di sollevamento pesante che espande l’addome.

⇧ Torna al sommario

Cosa può fare Fisio Logic per la diastasi addominale

La diastasi addominale nel centro Fisio Logic viene gestita con un piano di intervento che si sviluppa in quattro fasi:

  • Esercizi: studiamo un programma di esercizi su misura del paziente che si concentrerà sul miglioramento della stabilità del core, sul rafforzamento dei muscoli del pavimento pelvico, sul miglioramento del tono muscolare addominale e sul diaframma.
  • Consapevolezza posturale: interveniamo sugli errori di postura che creano tipicamente aree di rigidità nell’area lombare superiore e toracica inferiore, insieme ai muscoli dei glutei. La terapia manuale e gli esercizi di rilassamento vengono utilizzati prima degli esercizi di rafforzamento.
  • Supporto addominale: oltre a un programma di esercizi specifico, in alcuni casi suggeriamo il supporto dei muscoli addominali con indumenti compressivi che esercitano una compressione delicata per promuovere il supporto al bacino, alla schiena e ai muscoli addominali. Questo stimola il rafforzamento dei muscoli addominali facilitando il recupero muscolare.
  • Educazione: i pazienti del centro Fisio Logic di Torino impareranno nuove strategie per trasferire il carico attraverso il bacino e la colonna vertebrale in modo che sia gli organi che le articolazioni siano supportati e possano funzionare in modo ottimale. In alcuni casi la diastasi si riduce, in altri casi non si chiude ma la parete addominale è funzionante e si ha un pieno ritorno alle attività senza dolore, incontinenza o prolasso.

Tags:

Alessio Ricca

Alessio Ricca

Fisioterapista, Osteopata, specialista in scienze del movimento, corresponsabile del Centro Fisio Logic
Biografia completa

Approfondimenti

Terapie o attività complementari

Scopri il nostro
metodo e richiedi
un colloquio

prenota ora

Analisi e terapie

L'analisi dei disturbi e delle loro cause è il primo passo per comprendere il migliore percorso terapeutico per lenire il dolore nell'immediato e avviare un processo di autoguarigione del corpo sul lungo periodo.

piede piatto

Piede Piatto: come può intervenire la fisioterapia

22 Febbraio 2022

Le persone con i piedi piatti spesso avvertono dolore ai piedi o alle caviglie. I piedi possono stancarsi facilmente, e le arcate plantari e i talloni possono facilmente diventare doloranti.

scopri di più

Il ginocchio valgo e la sua riabilitazione a Torino

21 Febbraio 2022

Le deformità del ginocchio possono causare dolore, disagio e rendere difficile la deambulazione.

scopri di più

Scopri il nostro metodo e richiedi un colloquio

prenota ora

Design by logo Trigloo

Disclaimer: Gli articoli e gli approfondimenti che potrai trovare su questo sito hanno uno scopo divulgativo e devono guidare il paziente solamente per informarlo, ma non intendono sostituire il parere del proprio medico curante, di un Fisioterapista specializzato o di una figura medica abilitata. Fisio Logic non intende sostituirsi alla normale visita di uno specialista. Fisio Logic non detiene alcuna responsabilità, di tipo giuridico in quanto le informazioni hanno uno scopo divulgativo e vengono invitati gli utenti a consultarsi col proprio medico di fiducia prima di qualunque attività o prima di intraprendere delle cure.